fbpx
Home 9 Bandi - Settori 9 Autotrasporto 9 Regione Toscana – Finanziamento a fondo perduto per l’innovazione digitale

Regione Toscana – Finanziamento a fondo perduto per l’innovazione digitale

da | 27 Set 2022 | Autotrasporto, Bandi - Obiettivi, Bandi - Settori, Bandi Regionali, Commercio e Servizi, Digitalizzazione, Finanza Agevolata, Industria e Artigianato, Investimenti, Toscana, Turismo

REGIONE TOSCANA – Finanziamento a fondo perduto per l’innovazione digitale nelle aree interne, montane e insulari e progetti di economia collaborativa

Il bando intende dare sostegno, attraverso la concessione di agevolazioni sotto forma
di contributi a fondo perduto in conto capitale, a progetti di economia collaborativa
che si sviluppino attraverso l’innovazione digitale nelle aree interne, montane ed
insulari soggette a spopolamento, contribuendo alla nascita e consolidamento di realtà
imprenditoriali.

Possono presentare domanda di contributo:
• Micro, piccole e medie imprese aventi sede ubicata nel territorio regionale;
• Altri soggetti titolari di partita IVA ed iscritti al R.E.A
• RTI/ATS, Reti di imprese con personalità giuridica (Rete-Soggetto), Reti di imprese senza personalità giuridica (Rete-Contratto), Consorzi, Società Consortili compresi gli organismi di gestione dei Centri Commerciali Naturali (CCN). 

I soggetti partecipanti dovranno presentare progetti che, attraverso l’adozione di
tecnologie digitali, devono essere finalizzati alla realizzazione di forme di economia
collaborativa intesa come possibilità di fruizione condivisa di servizi che a loro volta
devono consentire il perseguimento di uno o più dei seguenti obiettivi per i territori in
cui sono localizzati i soggetti richiedenti:
• ripopolamento per attrazione di nomadi digitali e smart workers;
• ripopolamento per insediamento di nuove imprese;
• incremento del livello e contenuto di innovazione della attività economiche nel
Comune interessato dal progetto.

Spese ammissibili
A) Investimenti materiali per un importo uguale o inferiore al 40% del costo totale
del progetto: 1. opere murarie; 2. macchinari; 3. attrezzature, arredi (anche usati), acquisto o noleggio con riscatto di mezzi mobili registrati finalizzati alla realizzazione del progetto. 
B) Investimenti immateriali per un importo uguale o inferiore al 40% del costo
totale del progetto: 1. consulenze qualificate e rientranti nelle seguenti voci sia in relazione al servizio sia per quanto attiene ai fornitori: a) Servizi qualificati di accompagnamento – primo sostegno per l’innovazione; b) Servizi qualificati specializzati di consulenza e sostegno all’innovazione. 2. servizi di natura professionale non rientranti nelle consulenze indicate nel catalogo e necessari alla realizzazione del progetto, ivi comprese le spese per le attestazioni rese da revisori legali.
C) Costi per il personale direttamente coinvolto nel progetto per un importo uguale
od inferiore al 30% del costo totale del progetto;
D) Spese per liquidità (acquisto di scorte, materie prime, utenze, affitti, canoni di
noleggio) non superiori al 5% del costo totale del progetto;
E) Spese forfettarie sono conteggiate d’ufficio e pari al 15% delle spese del
personale direttamente addetto al progetto.

L’aiuto sarà concesso sotto forma di contributo a fondo perduto pari al 60% del totale
del progetto ammesso e per un valore da un minimo di 20.000 euro ad un massimo
di 150.000 euro.

Le domande potranno essere presentare a partire dalle ore 14,00 del giorno 26
settembre 2022.
 

Scopri subito se la tua impresa può usufruire di questa agevolazione.

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti gratuitamente ora per ricevere nella tua e-mail tutti bandi e le opportunità che la tua azienda può sfruttare.

You have Successfully Subscribed!