fbpx
Home 9 Bandi - Obiettivi 9 FRI TUR per il miglioramento dei servizi di ospitalità e il potenziamento delle strutture ricettive Invitalia

FRI TUR per il miglioramento dei servizi di ospitalità e il potenziamento delle strutture ricettive Invitalia

da | 26 Gen 2023 | Bandi - Obiettivi, Bandi - Settori, Bandi Nazionali Aperti, Digitalizzazione, Finanza Agevolata, Sostenibilità ed efficienza energetica, Turismo

Invitalia FRI-TUR – L’incentivo che punta a migliorare i servizi di ospitalità e a
potenziare le strutture ricettive

Finalità: L’incentivo punta a:
– migliorare i servizi di ospitalità e a potenziare le strutture ricettive, in un’ottica di digitalizzazione e sostenibilità ambientale
– migliorare i servizi di ospitalità e a potenziare le strutture ricettive, in
un’ottica di digitalizzazione e sostenibilità ambientale.
Focus interventi:
– riqualificazione energetica e antisismiche;
– eliminazione delle barriere architettoniche;
– altri ambiti in grado di rafforzare la competitività delle imprese e di
facilitare il raggiungimento di nuovi standard di qualità riconosciuti a
livello internazionale.

Soggetti beneficiari: Possono accedere:
• alberghi;
• agriturismi;
• strutture ricettive all’aria aperta;
• imprese del comparto turistico, ricreativo, fieristico e congressuale;
• stabilimenti balneari;
• complessi termali;
• porti turistici;
• parchi tematici, inclusi quelli acquatici e faunistici

Tipologia di intervento e spese ammissibili:
I progetti imprenditoriali possono ammettere le seguenti spese:
– Interventi di ristrutturazione o manutenzione straordinaria di beni
immobili per un massimo del 30% del programma di spesa.
– Macchinari, impianti e attrezzature nuovi.
– Programmi informatici e servizi per le tecnologie, l’informazione e la
telecomunicazione.
– Spese di gestione (materie prime, materiali di consumo, utenze,
canoni di locazione, canoni di leasing, garanzie assicurative) per un
massimo del 20% del programma di spesa.
– Spese relative al capitale circolante inerente l’attività dell’impresa
nella misura massima del 20% del programma di spesa.
Entità e forma dell’agevolazione
L’investimento deve essere riferito ad una o più unità dell’impresa
richiedente situate sul territorio nazionale e deve prevedere spese
ammissibili, al netto dell’IVA, comprese tra 500.000 euro e 10 milioni di
euro.
– Il 50% delle risorse è destinato agli interventi di riqualificazione
energetica.
– Il 40% delle risorse stanziate per il contributo diretto alla spesa è
destinato alle imprese con sede in una delle regioni del Mezzogiorno:
Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e
Sicilia.

Il contributo sarà erogato secondo le due forme previste:
– contributo diretto alla spesa: percentuale massima: 35% dei costi e
delle spese ammissibili;
– finanziamento agevolato: concesso da Cassa Depositi e Prestiti ad un
tasso nominale annuo pari allo 0,5%, con una durata compresa tra 4 e
15 anni, comprensiva di un periodo di preammortamento della durata
massima di 3 anni, a partire dalla data di sottoscrizione del contratto
di finanziamento.
Gli incentivi (somma del finanziamento agevolato + contributo diretto
alla spesa) sono riconosciuti nel rispetto dei limiti previsti dal GBER
(Regolamento UE 651/2014).
Gli incentivi non sono cumulabili con quelli previsti dall’art.1 del Decreto Legge 6 novembre 2021, n. 152, né con altri contributi, sovvenzioni e
agevolazioni pubblici concessi per gli stessi interventi.

Presentazione delle domande: a partire dalle ore 12:00 del 20 marzo 2023 e fino alle ore 12:00 del 20 aprile 2023.
I progetti devono essere realizzati entro il 31 dicembre 2025.

Scopri subito se la tua impresa può usufruire di questa agevolazione.

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti gratuitamente ora per ricevere nella tua e-mail tutti bandi e le opportunità che la tua azienda può sfruttare.

You have Successfully Subscribed!